www.astercenter.net

 di Fernanda Nosenzo Spagnolo

 peonia

 

"Peonia petalo a petalo palpiti, ti apri, ti ricomponi"
Ogiwara Seisensui (1884-1976)

La peonia è un vegetale arbustivo perenne diffuso nelle zone temperate ed è comprensivo di 33 specie di piante erbacee perenni e di arbusti rustici. Possiede radici a tubero e foglie lobate, ed è nota con il nome di “rosa senza spine”.
I suoi magnifici fiori catturano l'attenzione e creano in giardino uno spettacolo senza pari.

Dice la leggenda che quando Ade, il dio greco dell'Oltretomba, fu ferito da Eracle sceso negli inferi per catturare Cerbero, chiamò al suo capezzale Peone, figlio di Asclepio, dio della medicina, perché lo curasse. Peone lo curò così bene che Asclepio fu assalito da una grave forma di invidia piuttosto pericolosa. Allora Ade salvò Peone mutandolo in una pianta bellissima, la peonia, la “rosa senza spine” dai grandi fiori solitari - rosa, rossi ed anche bianchi - e dai carnosi frutti costituiti da alcuni follicoli.

Nelle pratiche devozionali e liturgiche medievali questo serico e aristocratico fiore primaverile, fu accostato alla figura della Madonna, mentre ai marinai la peonia era consigliata come amuleto adatto per scongiurare il pericolo nelle tempeste, in particolare per evitare un eventuale affogamento. Per questa ragione nell'antichità furono frequentissimi gli stemmi, presenti sul castello delle navi d’altura, che avevano come figura il fiore di peonia. La stessa raffigurazione fu presente anche nei fregi ornamentali delle opere d’arte rinascimentali e nei disegni presenti nei broccati e nelle stoffe di tessuto pregiato.

Possiamo dire che le vecchie tradizioni popolari diedero alla peonia attribuzioni protettive anche contro le pratiche magiche. Convinzione comune era che una collana fabbricata con i suoi semi - grossi quanto piselli - ed appesa al collo dei neonati, li avrebbe protetti dalle influenze negative e dal malocchio, nonché aiutati a superare le sofferenze causate dalla dentizione.

Anche l'antica medicina attribuì alla peonia vari effetti benefici. Si diceva che gli infusi di petali e della radice fossero rimedi efficaci contro l'asma, l'epilessia e la gotta mentre la sua essenza, nel campo dei profumi, fu considerata protettrice astrale della seconda decade dei Pesci.

Passiamo ora a parlare della peonia asiatica la Paeonia moutan, diversa da quella occidentale. E' un fiore che rassomiglia ad una Rosellina e sulla quale i cinesi ricamarono interessanti leggende che confermano come nell'antica Cina come pure in Giappone questo fiore, visto come emblema onorifico, come privilegio della Famiglia Imperiale e dei Mandarini, sia ancor oggi definito come un fiore pregiato e simbolo eloquente di Nobiltà e Raffinatezza.

Ed ecco le cultivar cinesi originali che presentano fiori rossi, rosa, porpora, lavanda o bianchi e la bellissima cultivar giapponese "Hana Kisoi" dai vivaci toni rosa.

Generalmente la peonia, celebrata in tutta la letteratura europea, simboleggia dignità e onore e nel linguaggio dei fiori indica Pudore e Timidezza, il che sembra però contrastare con la definizione spesso data da alcuni scrittori e poeti, di fiore di voluttuosa e superba opulenza dionisiaca…come fa osservare Corrado Covoni in questi versi dei "Fiori che amo":

Peonie, rose esagerate, rose dionisiache, rose in guardinfanti, rose superbe simili ad infanti che si specchiano in differenti pose.

 

Fernanda Nosenzo Spagnolo - da Dossier Piante e Fiori

Indietro

Indice Fiori

HOME

 

 

 © ASTERCENTER

Web Design Template